Guardia-costiera-gommone

Trapani, restano incagliati al largo di Nubia, messi in salvo dalla Capitaneria di Porto

Nella tarda serata del 15 ottobre, personale militare della Capitaneria di Porto di Trapani ha tratto in salvo 3 persone a bordo di una unità da diporto incagliata sui bassi fondali antistanti la frazione di Nubia. L’allarme è scattato intorno alle 19 a seguito della segnalazione telefonica giunta al 1530 della sala operativa della Capitaneria (numero blu per le emergenze in mare) da parte del conduttore dell’unità che riferiva di essersi incagliato. La sala operativa di Circomare disponeva l’uscita e l’invio in zona del mezzo nautico Gc b22, tenuto conto delle difficoltà ad operare con le motovedette maggiori. Il battello pneumatico si attestava a circa 30 metri dall’imbarcazione per la presenza di scogli affioranti resi ancora più insidiosi per l’oscurità.

Accertato il buono stato di salute dei tre diportsti, i militari hanno deciso di far intervenire la motovedetta Cp 303 per illuminare la zona ed un operatore subacqueo della Capitaneria di Porto che riusciva ad avvicinarsi all’imbarcazione e, con l’ausilio di un piccolo tender, trasportare i malcapitati a bordo del Gc b22. Alle ore 21.50 le unità facevano rientro al Porto di Trapani per sbarcare. Dono in corso di accertamento le cause del sinistro da parte di personale militare della Capitaneria.