Tentò di scassinare una tabaccheria, Carabinieri arrestano pregiudicato marsalese

Nella notte di venerdì scorso, i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Marsala, diretta dal Maresciallo Antonio Pipitone, hanno arrestato in flagranza di reato Roberto Zizzo, pregiudicato petrosileno di 37 anni, ritenuto responsabile del tentato furto ad una tabaccheria. In particolare, un uomo con il volto parzialmente coperto da un cappuccio stava armeggiando con un arnese all’ingresso dell’esercizio commerciale. All’arrivo dei militari dell’Arma, il malvivente aveva tentato di fuggire, ma è stato bloccato dai Carabinieri pochi metri dopo, mentre nelle mani teneva ancora un tubo in ferro di quasi un metro con cui stava provando a forzare la porta della tabaccheria. L’uomo è stato quindi accompagnato in caserma. A seguito del sopralluogo presso la tabaccheria, i Carabinieri hanno appurato che la porta era stata vistosamente danneggiata nella parte sinistra, dove è posizionato il distributore automatico di sigarette; i vetri erano stati completamente frantumati e, proprio nell’intelaiatura, sono stati rilevati degli evidenti segni di forzatura realizzati dal malvivente, che aveva cercato di crearsi uno spazio per potersi introdurre nella tabaccheria.

Sul posto, inoltre, sono stati rinvenuti altri due spezzoni di tubo, dello stesso tipo e misure di quello che Zizzo teneva ancora tra le mani nel momento in cui è stato bloccato, anch’essi sottoposti a sequestro. Considerati i gravi indizi di colpevolezza a suo carico, il malvivente è stato tratto in arresto per tentato furto aggravato e, terminati gli atti di rito, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, ristretto nelle camere di sicurezza della Compagnia di Marsala. All’esito dell’udienza di convalida tenutasi nella successiva mattinata, il giudice lilybetano ha applicato al soggetto la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.