Bongiorno preoccupato per Birgi: “La rottura con Ryanair vanificherebbe gli investimenti di questi anni”

Anche il presidente di Confindustria Trapani Gregory Bongiorno ha espresso la propria preoccupazione per le sorti dell’aeroporto di Trapani Birgi. Il rischio sempre più concreto che Ryanair abbandoni il “Vincenzo Florio”, secondo il presidente degli industriali trapanesi vanificherebbe “tutti gli sforzi e gli investimenti che negli ultimi anni sono stati fatti sul settore turistico”. Alla base di tale rottura, com’è stato evidenziato in questi giorni, il mancato rispetto degli accordi di co-marketing da parte della maggior parte dei Comuni del trapanese, in netto ritardo sui pagamenti del primo semestre 2015. Una situazione che, peraltro, ha portato alla decisione del presidente della Camera di commercio Pino Pace di lasciare la guida del tavolo che ha coordinato gli accordi di co-marketing. Il presidente di Confindustria Trapani si sofferma poi su un altro tema “caldo”, riguardante le somme stanziate dal Governo in favore del territorio a titolo di risarcimento per i disagi legati alla missione in Libia del 2010. “Al riguardo, nel corso dell’ultima Assemblea del Distretto Turistico Sicilia Occidentale – spiega Bongiorno – i Sindaci presenti hanno chiesto al Presidente di Confindustria di farsi promotore di un incontro urgente con il Commissario del Libero Consorzio Comunale (ex Provincia di Trapani) per formulare assieme delle proposte sull’utilizzo produttivo di tali somme”.