Tribunale Marsala

Processo Ipab “Rubino”: il 26 gennaio la requisitoria del pm

Nell’ultima udienza ha deposto la persona offesa e ha confermato le accuse
Siamo davvero alle battute finali del processo a carico di due persone accusate di abusi su una minore che si sarebbero perpetrati alcuni anni fa nell’istituto assistenziale Ipab Rubino. Nell’ultima udienza, su disposizione del  Tribunale è stata ascoltata in aula anche la persona offesa, ossia la ragazza – ora appena maggiorenne – che secondo l’accusa, avrebbe subito “attenzioni sessuali” per circa quattro anni, fino al 2009. La ragazza ha confermato le accuse nei confronti degli imputati Giuseppa Signorelli, di 50 anni e Vincenzo Galfano, di 48, che prestavano servizio nella IPAB che si trova nell’omonima via. In particolare Giuseppa Signorelli svolgeva mansioni di direttrice, mentre Galfano era bidello. Entrambi sono difesi dagli avvocati Stefano Pellegrino, Roberta Piccione e Maurizio D’Amico. Tuttavia secondo i difensori degli imputati la ragazza si sarebbe contraddetta in merito a tempi e luoghi, rispetto alle dichiarazioni rese precedentemente. All’udienza, tenutasi a porte chiuse, ha partecipato anche la psicologa Silvia Spanò. Già completata l’audizione di tutti i testi indicati nelle liste di accusa e difesa, nella prossima udienza, fissata per il 26 gennaio si terrà la requisitoria del pm Sabrina Carmazzi e la discussione finale dei difensori.