Come cresce il nostro racconto

Oggi parte la campagna di comunicazione per il nostro portale d’informazione, itacanotizie.it, supporto strategico di un progetto partito all’inizio del 2014 con la nascita di un polo informativo che mette in rete le esperienze editoriali di Marsala C’è e di Radio Itaca.
In realtà, itacanotizie non nasce oggi. Abbiamo cominciato a testarlo a maggio e, di settimana in settimana, lo abbiamo arricchito di contenuti e informazioni, constatandone la costante crescita in termini di accessi e condivisioni sui social network. E qui non parliamo di sensazioni, ma di dati: le statistiche della piattaforma Alexa ci vedono primi in termini di trend di crescita, tanto da portarci sugli stessi livelli di fruizione di altri portali che da anni sono presenti sul web. Un risultato che ci riempie d’orgoglio, conseguito grazie alla professionalità e all’esperienza di una redazione che ha il senso della notizia senza avere l’ossessione dello scoop ad ogni costo e nell’ambito di una linea editoriale che ha sempre evitato di ricorrere ad artifici di bassa lega per avere qualche contatto in più. E se oggi lo sottolineiamo non è per un mero esercizio autoreferenziale. Ma per offrire i primi riscontri del nostro progetto ai lettori che ci hanno seguiti fin dalle prime settimane e agli inserzionisti pubblicitari che hanno scommesso su di noi in tempi in cui ogni investimento, anche il più piccolo, viene giustamente ponderato con attenzione. Tutto ciò, tenendo ben presente che internet è uno spazio senza confini e la maggior parte dei lettori, diversamente da quanto accade con il cartaceo, è portato a leggere e confrontare più giornali on line e, conseguentemente, più narrazioni, più racconti. Proprio per questo è importante lavorare su un’identità, che, senza nulla togliere a chi ha cominciato prima di noi, ci renda comunque diversi dagli altri e riconoscibili.
Sulla base di questi ragionamenti, abbiamo lavorato molto sull’idea di partenza, puntando su uno sguardo diverso per raccontare il territorio e sulla separazione tra i fatti e le opinioni, guardando al modello delle più interessanti esperienze maturate in questi anni sul web a livello nazionale. E in quest’ottica, abbiamo fin dall’inizio riservato una sezione speciale ai blog personali in cui ogni autore è libero di esprimere il proprio parere su un tema o una vicenda ben precisa, contribuendo alla crescita del dibattito collettivo. Nel quotidiano, comunque, è sempre il racconto dei fatti a fare la differenza. E ci sono giornate in cui non è facile trovare la giusta distanza di fronte a una notizia che comporta un coinvolgimento emotivo diverso dalle altre. Come non è stato facile raccontare tra ieri e oggi la storia di una 28enne all’ottavo mese di gravidanza che ha perso la vita in seguito a un incidente stradale. O trovare le parole giuste per raccontare i recenti casi di abusi su minori denunciati nel nostro territorio. Allo stesso modo, non è facile raccontare l’esasperazione di chi ogni giorno rischia di perdere il lavoro e la speranza o di chi fa sempre più fatica ad arrivare alla fine del mese. Con le nostre idee e il nostro stile, cerchiamo di farlo ogni giorno, convinti di poter contribuire con il nostro lavoro ad alimentare quella voglia di cambiamento che si respira nell’aria. Augurandoci che possa trovare concretezza nel nostro territorio già a partire dalle prossime elezioni amministrative.