"Affamiamo lo spreco alimentare" il comune di Alcamo aderisce alla campagna

L’amministrazione Bonventre ha approvato la delibera di adesione alla campagna “affamiamo lo spreco alimentare” promossa dall’associazione Zero Waste Sicilia“ per sensibilizzare i titolari dei supermercati che insistono sul territorio, bar, ristoranti, fast food ad applicare una riduzione del 75% sui prezzi dei prodotti con data di scadenza nella stessa giornata, l’ultima ora prima della chiusura dell’attività commerciale, ovvero con altre modalità a scelta del titolare dell’esercizio commerciale. L’amministrazione ha anche approvato il logo da esporre in maniera visibile nei locali che aderiranno alla campagna “AFFAMIAMO LO SPRECO ALIMENTARE”, logo che sarà distribuito ai titolari di esercizi commerciali che aderiranno all’iniziativa e sarà stampato in economia dagli uffici comunali.
L’Associazione Z W S nasce dall’esigenza di far emergere una metodologia etica e democratica di condivisione, per una corretta gestione dei Rifiuti Urbani, per una sana ecologia, non solo dell’ambiente, ma anche della mente, dove le 7 R sono fondamentali: riduzione, riprogettazione, riuso, riparazione, riciclo, responsabilità e rispetto. Afferma il Sindaco Sebastiano Bonventre “l’iniziativa dell’associazione Zero Waste Sicilia – meritevole di condivisione da parte dell’amministrazione, anche in virtù del principio “Meno spreco e più benefici per tutti” – si concilia con la politica europea il cui principio è stato condiviso dalla mia amministrazione, attraverso l’adesione alla strategia internazionale “Rifiuti Zero ” con delibera di G.M. n. 171 del 15.05.2014″.
Mentre il vicesindaco con delega all’ambiente, dice “promuovere campagne di sensibilizzazione come “Affamiamo lo spreco alimentare” oltre ad essere un valido contributo per ridurre lo spreco del cibo può essere un aiuto affinché si mandi meno in discarica e di più ad un centro di compostaggio; inoltre, il titolare dell’attività commerciale potrà avere un ritorno economico da prodotti ormai destinati ad essere dismessi dal mercato e, nello stesso tempo, i cittadini avranno la possibilità di risparmiare, fruendo della riduzione dei prezzi dei prodotti con data di scadenza, per la consumazione, nella stessa giornata”.

Audrey Vitale