Somministrare i farmaci a scuola, corso di formazione all’Istituto “Garibaldi”

Lo scorso 16 ottobre, presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo “G. Garibaldi” di Marsala, il personale docente della scuola dell’Infanzia e della scuola Primaria si è riunito per un Corso di Formazione e Informazione sulla Somministrazione di Farmaci a Scuola, organizzato dal dirigente scolastico Francesca Pantaleo. La preside ha accolto e subito applicato la nota MIUR del 25 novembre 2005, riferita alle linee guida concordate con il ministero della salute, stilando un Regolamento volto a delineare un percorso finalizzato a facilitare e a garantire l’inserimento scolastico di bambini affetti da patologie  che richiedono la somministrazione di farmaci necessari a far fronte a situazioni di emergenza. Il corso è stato tenuto da Anna Caliò, presidente dell’Associazione Medico Chirurgica Lilybetana, dal pediatra Angelo Tummarello e da Vito D’Angelo, responsabile nazionale del 118 per lo SNAMI. “La comunità scolastica rappresenta per il minore affetto da patologie un luogo di crescita culturale e sociale – ha affermato la Pantaleo – ma soprattutto è il luogo in cui il bambino acquisisce maggiore stima di sé e sicurezza affettiva, fattori propedeutici alla tutela della sua salute psicofisica per tutto l’arco della vita. Investire nella formazione è un impegno e un dovere che la scuola “vuole” assumersi con fermezza e senso di responsabilità, il  personale scolastico, se adeguatamente  informato, può rappresentare un punto di riferimento e una sicurezza per le famiglie degli alunni, ovviamente non sostituendosi al medico, ma sapendo riconoscere e affrontare i primissimi  momenti d’emergenza, senza i quali la salute del bambino potrebbe uscirne compromessa”. L’ Istituto “Garibaldi” ha in programma altri  momenti d’incontro in collaborazione con il Servizio di Medicina scolastica dell’Asp e con altre associazioni che agiscono sul territorio sulla prevenzione primaria e secondaria riferita al primo soccorso e alle manovre di disostruzione pediatriche mirate alla liberazione delle vie aeree di un bambino da un corpo estraneo. Tutto ciò delinea una Scuola sempre più vicina alle famiglie, agli alunni e alle loro esigenze, credere  nella formazione equivale infatti ad investire in un futuro di maggiore sicurezza e consapevolezza.