Il Bilancio tra le mani dei consiglieri. Fiocca: “I tagli ai trasferimenti rendono difficile il rispetto del patto di stabilità”

E’ stata finalmente trasmessa la bozza del bilancio di previsione 2014 che il Consiglio comunale di Marsala è adesso chiamato a discutere e approvare. Fissato a 186.827.702,70 € il pareggio di bilancio, i componenti dell’assemblea di Sala delle Lapidi potranno ora prenderne visione e (per quanto possibile) emendarlo. Naturalmente, il voto dell’aula consiliare è subordinato alla trasmissione di un ordine del giorno suppletivo da parte del presidente Sturiano, tenuto conto che la discussione del bilancio non era stata inserita nel calendario dei lavori fissato alla convocazione della sessione in corso. Verosimilmente, se ne potrà cominciare a parlare nella seduta di giovedì. Prima ancora, però, si dovrà completare l’iter delle delibere propedeutiche al Bilancio. Particolare attenzione per il Piano Triennale delle Opere Pubbliche, che si sarebbe dovuto approvare domani, ma che al momento non ha avuto nemmeno il parere favorevole in Commissione Lavori Pubblici. Segno di un accordo ancora da raggiungere tra le diverse forze politiche.

Tornando al bilancio, come evidenziato anche dal dirigente del settore ragioneria Nicola Fiocca nella sua relazione, i margini di movimento appaiono sempre più limitati, alla luce dei tagli ai trasferimenti da parte dello Stato e delle Regioni, solo in parte colmati dalle entrate tributarie. Ma a pesare sulle casse comunali sono anche le spese per il personale dislocato tra i diversi uffici (complessivamente pari a 19.766.812,28 €) e l’aumento delle spese correnti, dovute, in particolare, alla raccolta dei rifiuti, che costa al Comune di Marsala 14.746.012,01 €. Uno scenario che rende estremamente complesso il raggiungimento degli obiettivi imposti dal patto di stabilità, come lo stesso Fiocca sottolinea in coda alla propria relazione, pur esprimendo parere favorevole sulla proposta di bilancio in esame.