Il Consiglio invita la Serit a rivedere la decisione di chiudere gli uffici

Continuano le riunioni del Consiglio comunale di Marsala relative alla sessione di ottobre convocata dal presidente del Massimo Consesso Civico, Enzo Sturiano. Doveva, e potrebbe ancora esserlo, la sessione che avrebbe dovuto portare all’approvazione del Bilancio di previsione del 2014. “Non abbiamo ancora ricevuto l’atto da parte dell’Amministrazione – ci ha detto il presidente -, non escludo tuttavia che qual’ora dovesse giungere all’attenzione del Consiglio nei prossimi giorni, si possa procede con un ordine del giorno suppletivo per le sedute già previste per martedì 21 e giovedì 23 della prossima settimana”. Intanto nella seduta di giovedì è stato approvato un ordine del giorno, presentato dal gruppo del PD, diretto da Nicola Fici, relativo alla decisione assunta dalla “Serit” di chiudere gli uffici di Marsala per trasferirli nella sede provinciale di Trapani. Erano sedici i consiglieri presenti al momento del voto e tutti si sono espressi favorevolmente: Oreste Alagna, Pino Carnese, Nicola Fici, Guglielmo Anastasi, Pino Cordaro, Rosanna Genna, Giuseppe Milazzo, Salvatore Di Girolamo, Michele De Maria, Luigia Ingrassia, Antonio Augugliaro, Enzo Russo, Salvatore Accardi, Michele Accardi, Vito Umile e Arturo Galfano. I consiglieri chiedono alla Serit di rivedere al loro decisione. Successivamente, dopo relativa votazione di prelievo, il Consiglio comunale ha deciso di mettere in trattazione i punti all’ordine del giorno relativi ai cosiddetti “debiti fuori bilancio”. Posto in discussione il punto 17, quello relativo al giudizio promosso da alcuni dipendenti del settore Nettezza Urbana per la mancata dotazione degli indumenti protettivi e dei dispositivi di protezione individuali. I lavori si sono arenati per una pregiudiziale presentata in aula per l’assenza dei dirigenti. Adesso, si tornerà in aula per la terza (e penultima) seduta prevista dall’ordine del giorno, martedì 21 ottobre, sempre con inizio alle 17.